Borgo Rossini Stories, quando un quartiere scrive un libro collettivo

di REDAZIONE
pubblicato il 04/12/2020


Il 23 novembre è uscito in libreria Borgo Rossini stories, una raccolta di 53 racconti scritti da abitanti o ex abitanti del quartiere torinese. Il libro, curato dal giornalista Paolo Morelli e dal libraio Rocco Pinto, è edito da Graphot. L’opera, ideata nel corso del primo lockdown, vede la luce in forma di libro durante una nuova chiusura, a sottolineare la necessità di racconto collettivo in questo momento storico.

Vie, palazzi, fabbriche che diventano case, viali alberati che fioriscono tra gli edifici: la storia di un quartiere, a due passi dal centro di Torino, è raccontata attraverso la memoria di chi lo conosce da dentro. L’iniziativa è nata da un’idea di Paolo Morelli e Rocco Pinto fra aprile e maggio, promossa dalla libreria Il Ponte sulla Dora, per alimentare il senso di comunità durante il periodo di isolamento. L’entusiasmo con cui è stata accolta e i numerosi contributi sulla storia e le storie del quartiere hanno permesso al progetto di evolvere e diventare un libro con la casa editrice Graphot, da sempre attenta a raccontare la città attraverso i suoi borghi. Gli autori di Borgo Rossini stories La pubblicazione raccoglie testimonianze di scrittori e personaggi importanti della città, commercianti, abitanti e appassionati del borgo, arricchite da immagini d’epoca.

Gli autori: Sergio Arzilli, Gianfranco Azeglio, Piero Bianchi, Leonardo Bizzaro, Alberto Bozzolan, Eleonora Carta, Emanuela Celeghin, Alessandra Chiappori, Elena Ciavarella, Alessia Colanero, Laura Colombo, Federico Dainotti, Chiara e Maurizio Dalmasso, Leonardo De Frino, Andrea Demarchi, Teresa M. Dettoni, Martina Di Nolfo, Mara Fausone, Giorgio Finello, Mimmo Fiorino, Francesco Forlani, Marina Formenti, Flavia Foti, Sara Caiolo Fusera, Stefano Gabbiani, Silvia Garda, Federico Laface, Arianna Lia, Giuseppe Lo Baido, Corrado Locati, Giulia Madau, Giusi Marchetta, Alessandro Massetti, Barbara Mosca, Margherita Oggero, Cristina Pasquale, Silvia Pinardi, Manuel Ramello, Renzo Raspino, Cecilia Russo, Mariuccia Saglia, Maria Sammartino, Paola Schellenbaum, Simone Schiavi, Renata Stoisa, Gioacchino Torre, Beppe Turletti, Nadia Venturini, Paolo Vinai, Laura Zanlungo, Filippo Zanoni, Beppe Zauli. Per le testimonianze fotografiche si ringraziano Piero Bianchi e Simone Schiavi (Atts-Archivio Gtt).

Il nuovo progetto Dopo la positiva esperienza in Borgo Rossini, il progetto di racconto collettivo sarà riproposto su altri quartieri di Torino. Il prossimo a partire sarà Barriera di Milano, al centro di una nuova rassegna dal titolo Barriera stories. «Questo lavoro ci è cresciuto fra le mani – spiegano i curatori, Paolo Morelli e Rocco Pinto – e abbiamo deciso di ripetere l’esperienza anche in altre zone, perché ci sono ancora tantissime storie da raccontare. L’esperienza di comunità che abbiamo vissuto in Borgo Rossini può espandersi, e Barriera di Milano sarà il prossimo borgo protagonista, con il suo enorme patrimonio di storie. Ogni quartiere della nostra città ha le sue peculiarità ed è animato da realtà radicate sul territorio con cui desideriamo condividere questo progetto. La nostra sfida è stimolare il ricordo e la narrazione, il confronto e lo scambio per percorrere con nuovi passi le strade di Torino».

A partire dall’8 dicembre il nuovo progetto Barriera stories prenderà il via: sulle pagine Facebook della libreria il Ponte sulla Dora e di Graphot Editrice saranno disponibili le informazioni sulla rassegna e su come partecipare.