Summer Plays: Stabile e Teatro Piemonte Europa fanno ripartire lo spettacolo dal vivo

di REDAZIONE
pubblicato il 15/06/2020


Altro che baracconate comunali. A inaugurare la ripartenza del teatro torinese è una speciale stagione teatrale. Speciale, perché un cartellone estivo tanto ricco e strutturato, da queste parti, non s’è mai visto. Speciale, perché unisce i due maggiori enti teatrali piemontesi. Il Teatro Stabile e il TPE - Teatro Piemonte Europa propongono insieme, per la prima volta, un cartellone integrato, sperimentando un nuovo modello di collaborazione nato per superare la crisi e per dare un segnale forte dopo questi mesi di lockdown.

«Riteniamo - affermano Lamberto Vallarino Gancia, presidente Teatro Stabile di Torino - Teatro Nazionale e Maddalena Bumma, presidente TPE - Teatro Piemonte Europa - che questa ripresa congiunta sia un fatto importante perTorino e il Piemonte, in quanto manifesta il superamento degli interessi specifici a favore di una progettualità partecipata in un momento tanto delicato, con l’auspicio che la nostra proposta venga recepita come un segnale di speranza per la comunità e rappresenti un progressivo ritorno alla normalità».

La stagione estiva al Teatro Carignano dal titolo Summer Plays prevede tre mesi di programmazione, dal 15 giugno al 13 settembre, propone 16 titoli di drammaturgia contemporanea, 100 recite totali, a cui si aggiungono 16 appuntamenti inseriti nella sezione Extra Plays.

I testi proporranno trame del presente, sondando i diversi aspetti della nostra società: da Fausto Paravidino a Philipp Löhle, da Dario Fo a Rafael Spregelburd, da Vitaliano Trevisan a Harold Pinter, da Natalia Ginzburg a Brian Friel, da Massimo Sgorbani a David Harrower, da Giovanni Testori a Steven Knight e Rémi De Vos, con nuove produzioni firmate da Valerio Binasco e Valter Malosti, che curano il progetto a quattro mani, e da Filippo Dini, Leonardo Lidi, Licia Lanera, Jurij Ferrini e Marco Lorenzi.

Oltre alla matrice contemporanea, altro comune denominatore degli spettacoli è il fatto che la quasi totalità dei registi e degli interpreti sono artisti legati al territorio, uno straordinario gruppo di talenti di diverse generazioni ad iniziare dagli stessi Valerio Binasco e Valter Malosti, per proseguire con Eugenio Allegri, Laura Curino, Michele Di Mauro, Jurij Ferrini, Irene Ivaldi, Christian La Rosa, Leonardo Lidi, Marco Lorenzi, Matthias Martelli, Piero Nuti, Fausto Paravidino, Gabriele Vacis, Matilde Vigna. In questa stagione non potevano mancare compagnie indipendenti torinesi come Teatro di Dioniso, Il Mulino di Amleto, Acti Teatri Indipendenti, Piccola Compagnia della Magnolia, oltre a un soggetto da sempre attento alla creazione contemporanea come il Festival delle Colline Torinesi che mette il marchio ad alcune produzioni, iniziando da qui una sorta di festival diffuso.

«A nostro parere - dichiarano Filippo Fonsatti, direttore, e Valerio Binasco, direttore artistico del Teatro Stabile, e Valter Malosti, Direttore di TPE - Teatro Piemonte Europa - in questa inedita e imprevedibile fase storica, nella quale molte certezze sono svanite dalla sera al mattino e forse nulla tornerà ad essere esattamente come prima, occorre reagire con energia propositiva e solida progettualità: noi siamo convinti che questa stagione estiva orgogliosamente Made in Turin, che non accetta compromessi sulla coerenza dei contenuti e sulla qualità degli interpreti, possa lanciare un messaggio potente di fiducia e di prospettiva».

Cornice di questa estate teatrale sarà il Teatro Carignano che torna ad aprirsi dal mattino fino a tarda sera per svolgere le sue funzioni di interesse pubblico e per essere un ambiente vivo e accogliente, capace di offrire a tutte le comunità occasioni di formazione culturale, di svago intelligente, di scambio sociale, di stimolo intellettuale. Nella sua platea riconfigurata potrà ospitare fino a 200 posti a sedere, garantendo il distanziamento interpersonale, come previsto dalle norme vigenti. Nel foyer e nella sala del teatro saranno disposte tutte le misure igienico-sanitarie e di sicurezza necessarie per preservare la salute del pubblico e del personale e assicurare un’esperienza piacevole e serena.

Ad inaugurare la rassegna sarà, il 15 giugno, Valerio Binasco che dirigerà "L’intervista" di Natalia Ginzburg, interpretata dallo stesso Binasco con Arianna Scommegna e Giordana Faggiano. Lo spettacolo, prodotto dal Teatro Stabile, sarà replicato fino a domenica 21 giugno.

Valter Malosti porterà in scena, dal 23 al 28 giugno, "Giulietta" di Federico Fellini, adattamento teatrale di Vitaliano Trevisan, interpretato da Roberta Caronia, una produzione TPE - Teatro Piemonte Europa con il patrocinio di Fellini 100 - Celebrazioni per il Centenario della nascita di Federico Fellini.

Seguirà, dal 30 giugno al 5 luglio, "Lucido" di Rafael Spregelburd, regia di Jurij Ferrini, con Rebecca Rossetti, Agnese Mercati, Federico Palumeri e lo stesso Ferrini, coprodotto da TPE - Teatro Piemonte Europa e Progetto U.R.T.

Dal 7 al 9 luglio, andrà in scena "Camillo Olivetti. Alle radici di un sogno" di Laura Curino e Gabriele Vacis, con Laura Curino, regia di Gabriele Vacis, prodotto da Associazione Culturale Muse. Eugenio Allegri dirige Matthias Martelli in "Mistero Buffo" di Dario Fo, in scena dal 10 al 12 luglio, una produzione dello Stabile.

La collaborazione tra lo Stabile e il TPE si concretizza non solo nell’ideazione del cartellone, ma anche in due coproduzioni: la prima, "Una specie di Alaska" di Harold Pinter con la regia di Binasco debutterà dal 14 al 19 luglio e vedrà in scena Sara Bertelà, Orietta Notari, Nicola Pannelli.

La seconda coproduzione fra lo Stabile e il TPE, a cui si aggiunge la compagnia Il Mulino di Amleto, è "Kollaps" (Collasso) di Philipp Löhle messo in scena da Marco Lorenzi e interpretato da Roberta Calia, Yuri D’Agostino, Barbara Mazzi, Raffaele Musella, Angelo Tronca (28 luglio - 2 agosto).

Filippo Dini dirigerà, dal 21 al 26 luglio, "Locke" di Steven Knight di cui è anche interprete, una coproduzione di Teatro Stabile di Torino, Teatro Franco Parenti, Teatro Stabile del Friuli Venezia-Giulia.

Leonardo Lidi porta in scena, dal 4 al 9 agosto, "La Segretaria" di Natalia Ginzburg, con Matilde Vigna, Christian La Rosa, Giorgia Cipolla, Elio D’Alessandro e le musiche eseguite dal vivo dai Perturbazione (Tommaso Cerasuolo, Cristiano Lo Mele, Alex Baracco, Rossano Lo Mele), produzione del Teatro Stabile di Torino.

La Piccola Compagnia della Magnolia proporrà, dal 18 al 20 agosto, "Mater Dei" di Massimo Sgorbani, con Giorgia Cerruti e Davide Giglio, per la regia della stessa Giorgia Cerruti.

Beppe Rosso dirige e interpreta "Piccola Società Disoccupata" di Rémi De Vos, in scena con lui Ture Magro e Barbara Mazzi. Lo spettacolo prodotto da ACTI Teatri Indipendenti sarà in scena dal 21 al 23 agosto.

Dal 25 al 27 agosto, debutterà "Guarda come nevica 3. I sentimenti del maiale" scritto e diretto da Licia Lanera che sarà in scena insieme a Danilo Giuva e ai musicisti Giorgio Cardone, Dario Bissanti, Nico Morde Crumor, una coproduzione TPE - Festival delle Colline Torinesi e Compagnia Licia Lanera.

Irene Ivaldi dirige e interpreta, dal 28 al 30 agosto, due monologhi di Aldo Nicolaj, di cui quest’anno cade il centenario della nascita, prodotti da Teatro di Dioniso: Sali e Tabacchi e Zie e Piccioni.

Dall’1 al 6 settembre, Valerio Binasco dirigerà una nuova produzione del Teatro Stabile di Torino, "Molly Sweeney" di Brian Friel, con Orietta Notari, Michele Di Mauro, Nicola Pannelli.

Valter Malosti nell’ambito del progetto su Giovanni Testori porta in scena "Cleopatrà" da lui diretta e interpretata da Anna Della Rosa (8 - 13 settembre) e "Maddalene (da Giotto a Bacon)" con Valter Malosti e Lamberto Curtoni al violoncello, musiche originali di Carlo Boccadoro (12 - 13 settembre), entrambi prodotto dal TPE - Teatro Piemonte Europa.

La programmazione del Teatro Carignano oltre agli spettacoli serali propone una serie di originali iniziative dal titolo Extra Plays.

Valerio Binasco si misura con un progetto sperimentale intitolato "Claustrophilia", ideato nel momento più buio del lockdown, che prevede l’integrazione di progetto e processo, luogo fisico e spazio digitale, teatro e video: lui ed Elena Gigliotti curano la regia teatrale di tre testi - "Molly Sweeney" di Brian Friel, "Blackbird" di David Harrower e "Dialogo" di Natalia Ginzburg - insieme a tre registi cinematografici e video - rispettivamente Irene Dionisio, Michele Di Mauro e Dario Aita - per realizzare produzioni fruibili indifferentemente sul palcoscenico o su piattaforme digitali, sperimentando forme di espressione scenica “di sopravvivenza”.

Valter Malosti in collaborazione con l’Associazione Giovanni Testori curerà il Progetto Testori autore di cui è assiduo e appassionato studioso e interprete. L’iniziativa prevede, oltre ai già citati "Cleopatràs" e "Maddalene", il 9 settembre la lezione "Testori vs Shakespeare"; il 10 settembre la presentazione video di "Vado a veder come diventa notte nei boschi...", un omaggio a Giovanni Moretti; l’11 settembre "Conversazione con la morte" di Giovanni Testori, una lettura di Piero Nuti.

Il Dramaturg residente del Teatro Stabile, Fausto Paravidino, curerà un ciclo di quattro incontri intitolato "Playstorm: Instant Theatre", nel quale porterà in scena insieme ad un gruppo di attori, in una sorta di happening, le notizie più significative e curiose della settimana, facendo irrompere sul palcoscenico l’informazione globale (ogni mercoledì, dal 1° al 22 luglio, ore 18.30).

Dal 18 giugno al 30 luglio sono previste le "Lezioni shakespeariane": sette registi di generazioni diverse racconteranno con l’aiuto pratico di alcuni attori le scene più celebri di altrettanti capolavori di Shakespeare, svelando anche in questo caso la straordinaria attualità della sua scrittura. Fausto Paravidino presenterà "I due gentiluomini di Verona" (18 giugno); Marco Lorenzi, "Otello" (25 giugno); Valerio Binasco, "Amleto" (2 luglio); Silvio Peroni, "Molto rumore per nulla" (9 luglio); Gabriele Vacis, "Romeo e Giulietta" (16 luglio); Filippo Dini, "Enrico VI" (23 luglio); Elena Gigliotti, "La bisbetica domata" (30 luglio).

Infine il Teatro Carignano ospiterà, dall’8 luglio al 2 agosto, una Summer Kids per gli spettatori più piccoli e per le famiglie con la messinscena de "Il mago di Oz" nella poetica e tecnologica regia firmata da Silvio Peroni.