Tutto il programma del Festival dell'Espressionismo, dal 22 febbraio al 29 marzo

di REDAZIONE
pubblicato il 21/02/2019


Ventiquattro appuntamenti tra incontri, concerti, conferenze e proiezioni per declinare le mille sfaccettature della corrente artistico-culturale che infiammò l’Europa nei primi anni dello scorso secolo. Un programma che coinvolge 22 associazioni del territorio e che può far leva su un approccio multidisciplinare, per rendere “appetibile” al grande pubblico la storia e gli esiti di un movimento spesso e volentieri poco compreso.

_______________________________________

Venerdì 22 Febbraio 2019 ore 20.30

Auditorium Rai “A. Toscanini”

CONCERTO

Pelleas und Melisande
Rai NuovaMusica

Nel centenario della nascita di Severino Gazzelloni

Aziz Shokhakimov direttore
Giampaolo Pretto flauto
Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai

Wolfgang Rihm
Verwandlung III per orchestra

Goffredo Petrassi
Concerto per flauto e orchestra

Arnold Schönberg
Pelleas und Melisande, poema sinfonico op. 5

Il capolavoro di Schönberg, pur essendo ancora considerato un’opera dall’estetica tardoromantica, rappresenta già, in modo assai più che embrionale, la nascita del rivoluzionario linguaggio musicale che porterà ai capolavori dell’Espressionismo..

A cura dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai

Poltrona numerata: €5; under 35 €3

_______________________________________

Sabato 23 Febbraio 2019 ore 16

Cinema Massimo - Sala 3

CINEMA

Il gabinetto del dottor Caligari

Proiezione del film Das Cabinet des Dr. Caligari
(Germania, 1919 - 80’)

Regia di Robert Wiene
Con Werner Krauss, Conrad Veidt, 
Friedrich Fehér
, Lil Dagover

Didascalie in tedesco e sottotitoli in italiano

Caligari, un imbonitore da fiera, si serve del sonnambulo Cesare per portare a compimento azioni delittuose. Scoperto e arrestato, Caligari riesce a fuggire e a trovare rifugio sicuro in un ospedale psichiatrico, divenendone addirittura il direttore. Alla fine, però, si scopre che in realtà la storia cui abbiamo assistito altro non è se non il frutto dell’immaginazione di un pazzo.

A cura del Museo Nazionale del Cinema
In collaborazione e con il sostegno del Goethe-Institut Turin

Ingressi: intero €6; ridotti €4 - €3

_______________________________________

Domenica 24 Febbraio 2019 ore 16

Cinema Massimo - Sala 3

CINEMA

Nosferatu il vampiro

Proiezione del film Nosferatu, eine Symphonie des Grauens
(Germania, 1921 - 106’)

Regia di Friedrich Wilhelm Murnau

Con Gustav von Wangenheim, Max Schreck, 
Greta Schröder
Alexander Granach

Didascalie in tedesco e sottotitoli in italiano

Brema 1838. L’agente immobiliare Knock invia il giovane Hutter in Transilvania per concludere un affare col conte Orlok. Prima di lasciare la città, chiede a una coppia di amici di prendersi cura di sua moglie Ellen. La sera, Orlok, affascinato da un medaglione col ritratto di Ellen, firma il contratto per l’acquisto di una casa a Brema e di notte, avvolto nella sua bara, si mette in viaggio...

A cura del Museo Nazionale del Cinema
In collaborazione e con il sostegno del Goethe-Institut Turin

Ingressi: intero €6; ridotti €4 - €3

_______________________________________

Domenica 24 Febbraio 2019 ore 21

Teatro Vittoria

SPETTACOLO - CONCERTO

Viaggio al termine delle note
Lo sguardo rosso dell’Espressionismo

Alessandra Morra e Fabriano Fabbri storytellers
Tiziano Scarpa e Cristiano Godano letture
Giorgio Li Calzi sonorizzazione e accompagnamento acustico
Edoardo De Angelis e Umberto Fantini violini
Ula Ulijona Mauro Righini viole
Manuel Zigante e Claudia Ravetto violoncelli
Michele Lipani contrabbasso

Uno spettacolo sotto forma di indagine, per scoprire il concetto di Espressionismo, non solo in musica ma nella peculiare trasversalità con cui questa estetica investe le altre arti: letteratura e poesia, architettura e pittura. Un percorso ispirato alla figura cardine di Arnold Schönberg, testimone intimo e decisivo di un approccio che esalta fino a esasperare il lato emotivo della realtà, allontanandosi dalla percezione oggettiva. Un fenomeno mai interrotto lungo tutto il Novecento, come racconteranno le letture affidate a Cristiano Godano, leader di un gruppo raffinato come i Marlene Kuntz, e a uno scrittore poliedrico come Tiziano Scarpa. Le sonorizzazioni di Giorgio Li Calzi contribuiscono all’idea con contaminazioni di musica jazz ed elettronica, giustapposte alla celeberrima «Verklärte Nacht» di Schönberg.

A cura di InPoetica - Festival trasversale delle arti

Ingresso libero

_______________________________________

Lunedì 25 Febbraio 2019 ore 14.30

CineTeatro Baretti

OPERA IN VIDEO

Lulu

Opera in tre atti di Alban Berg

Marc Albrecht direttore, Vera Nemirova regia
Con Patricia PetibonMichael Volle
Tanja Ariane Baumgartner

Proiezione dello spettacolo realizzato
dal Festival di Salisburgo

Presentazione a cura di Alberto Rizzuti

Nella sua ultima opera, tratta dai drammi di Frank Wedekind «Spirito della terra» e «Il vaso di Pandora», Alban Berg condensa l’onnipotenza distruttrice e rigeneratrice dell’erotismo femminile nel complesso personaggio di Lulu, enigmatica immagine di bellezza 
e di morte.

A cura dell’Associazione Baretti

Ingressi: intero €5; ridotti (over 65 e under 25) €4; carnet 6 ingressi €20

_______________________________________

Lunedì 25 Febbraio 2019 ore 20.30

Cinema Massimo - Sala 3

CINEMA

Destino

Proiezione del film Der müde Tod (Germania, 1921 - 114’)

Regia di Fritz Lang

Con Lil Dagover, Walter Jansen, Bernhard Goetzke

Didascalie in tedesco e sottotitoli in italiano

L’arrivo, in un villaggio, di uno straniero, è l’inizio di una vicenda che vedrà protagonista una giovane donna in disperata lotta contro la fine del suo innamorato. Lo straniero, infatti, è la Morte, giunta con il compito di portare con sé il giovane amato.

A cura del Museo Nazionale del Cinema
In collaborazione e con il sostegno del Goethe-Institut Turin

Ingressi: intero €6; ridotti €4 - €3

_______________________________________

Martedì 26 Febbraio 2019 ore 16

Cinema Massimo - Sala 3

CINEMA

Lo studente di Praga

Proiezione del film Der Student von Prag (Germania, 1913 - 85’)

Regia di Hanns Heinz Ewers, Stellan Rye, Paul Wegener
Con Paul Wegener, John Gottowt, Grete Berger

Didascalie in tedesco e sottotitoli in italiano

Il vecchio mago Scapinelli irrompe nella vita dello studente Balduin, facendogli conoscere Margit, la giovane figlia del conte von Schwarzenberg. Lo studente si innamora subito della ragazza, ma la sua povertà gli impedisce anche solo di avvicinarla. A questo punto, però, Scapinelli gli offre un’immensa fortuna in cambio della sua immagine. Balduin accetta. Il prezzo per tutto questo, però, è l’impossibilità di passare davanti agli specchi che non gli restituiscono più la sua immagine.

 A cura del Museo Nazionale del Cinema
In collaborazione e con il sostegno del Goethe-Institut Turin

Ingressi: intero €6; ridotti €4 - €3

_______________________________________

Martedì 26 Febbraio 2019 ore 18

Cinema Massimo - Sala 3

CINEMA

Ombre ammonitrici

Proiezione del film Schatten - Eine nachtliche Halluzination
(Germania, 1923 - 84’)

Regia di Arthur Robison
Con Fritz KortnerRuth WeyherGustav von Wangenheim

Didascalie in tedesco e sottotitoli in italiano

Il conte e sua moglie aspettano ospiti nel loro palazzo: si tratta di tre cavalieri e di un giovane innamorato della contessa. Durante il ballo che fa seguito alla cena, arriva un mimo di ombre cinesi che si esibisce nel suo spettacolo, ma nell’ombra i due amanti si sfiorano credendo di non essere visti. Il mimo, invece, ha capito ogni cosa e per smascherare tutti i presenti li ipnotizza e fa in modo che le loro ombre si materializzino e agiscano senza i veli delle convenzioni.

A cura del Museo Nazionale del Cinema
In collaborazione e con il sostegno del Goethe-Institut Turin

Ingressi: intero €6; ridotti €4 - €3

_______________________________________

Mercoledì 27 Febbraio 2019 ore 16

Cinema Massimo - Sala 3

CINEMA

Il Golem

Proiezione del film Der Golem (Germania, 1920 - 73’)

Regia di Paul Wegener
Con Paul Wegener, Henrik Galeen, Lyda Salmonova

Didascalie in tedesco e sottotitoli in italiano

Nel XVI secolo, nel ghetto di Praga, il rabbino Löw crea dall’argilla un gigante, il Golem, che si anima dopo un lungo rituale magico. 
Il Golem, intervenuto a una festa al castello in qualità di servitore del rabbino, salva tutti gli invitati da un grave incidente e l’imperatore, per riconoscenza, decide di revocare un decreto contro gli ebrei. L’assistente del rabbino Famulus, però, ha dei progetti diversi, e quando prende il controllo del Golem gli ordina di compiere atti criminali.

A cura del Museo Nazionale del Cinema
In collaborazione e con il sostegno del Goethe-Institut Turin

Ingressi: intero €6; ridotti €4 - €3

_______________________________________

Mercoledì 27 Febbraio 2019 ore 18

Cinema Massimo - Sala 3

CINEMA

Genuine

Proiezione del film Genuine (Germania, 1920 - 80’)

Regia di Robert Wiene
Con Fern Andra, Hans Heinrich von Twardowski, 
Ernst Gronau

Didascalie in tedesco e sottotitoli in italiano

Un ricco eccentrico compra all’asta, in un mercato di schiavi, la giovane Genuine, che però fa parte di una setta satanica. L’uomo la tiene prigioniera nella sua casa e permette solo a un parrucchiere di farle visita tutti i giorni. L’uomo si innamora di Genuine ed è da lei spinto a uccidere il suo padrone.

A cura del Museo Nazionale del Cinema
In collaborazione e con il sostegno del Goethe-Institut Turin

Ingressi: intero €6; ridotti €4 - €3

_______________________________________

Mercoledì 27 Febbraio 2019 ore 21

Chiesa dell’Oratorio di San Filippo Neri

CONCERTO

Le amicizie di lontano
Schönberg e Korngold: contrapposti in patria, amici nell’esilio americano

Gli Archi dell’Orchestra Polledro
Adrian Pinzaru 
e Tommaso Belli violini
Ula Ulijona e Ruggero Mastrolorenzi viole
Claudia Ravetto e Alessandro Fornero violoncelli

Introduzione a cura del Direttore artistico Federico Bisio

Arnold Schönberg
Verklärte Nacht per sestetto d’archi op. 4

Erich Wolfgang Korngold
Sestetto per archi op. 10

Un’indagine condotta nel 1932 dal «Neues Wiener Tagblatt» di Vienna indicò in Korngold e Schönberg i due più rilevanti compositori viventi dell’epoca. Benché separati da un’idea diametralmente opposta di stile e di filosofia musicale, i due artisti intrattennero rapporti personali estremamente cordiali, rinsaldati in un legame di stretta amicizia durante il comune esilio statunitense. Presi a paradigma di due differenti vie di sviluppare l’eredità di Brahms e in generale del romanticismo tedesco, nei brani in programma si confrontano la straordinaria eleganza tardoromantica di Korngold e la moderna interiorità sentimentale di Schönberg.

A cura dell’Orchestra da Camera “Giovanni Battista Polledro”

Ingresso libero

_______________________________________

Giovedì 28 Febbraio 2019 ore 16.30

Teatro Vittoria

INCONTRO

Der blaue Reiter e la musica del movimento espressionista - I

Interventi di Marcella Beccaria, Massimo BonifazioGerhard Friedrich, Chiara Sandrin, Paolo Petazzi

Coordina Alberto Rizzuti

L’incontro intende far luce sui riferimenti culturali di alcune opere dell’Espressionismo musicale, stagione segnata dalla partecipazione di Schönberg a «Der blaue Reiter». Intervenendo nell’almanacco egli indica, quali esempi di manifestazione di quello spirito, alcuni Lieder suoi, di Berg e di Webern, facendo emergere in filigrana il problema del rapporto col testo; un rapporto che la riflessione odierna verifica mediante l’esecuzione dal vivo di alcune opere che di quell’estetica costituiscono la massima espressione.

A cura del Centro Studi sul Teatro Musicale 
In collaborazione con Arianna per la musica

Ingresso libero

_______________________________________

Giovedì 28 Febbraio 2019 ore 20.30

Teatro Vittoria

CONCERTO

Der blaue Reiter e la musica del movimento espressionista - II

Valentina Chirico soprano
Laura Capretti mezzosoprano
Elena Camerlo pianista
Sandro Zanchi pianista

Note introduttive di Ernesto Napolitano

Alban Berg
Selezione da Sieben frühe Lieder

Anton Webern
5 Lieder op. 4

Paul Hindemith
Selezione da Das Marienleben op. 27

Alban Berg
4 Lieder op. 2

Arnold Schönberg
Selezione dai Lieder aus dem Buch der hängenden Gärtenop. 15

Alban Berg
Schliesse mir die Augen beide (versioni del 1907 e del 1925)

 

A cura di Arianna per la musica
In collaborazione con il Centro Studi sul Teatro Musicale

Ingresso libero

_______________________________________

Venerdì 1 Marzo 2019 ore 21

Conservatorio “Giuseppe Verdi”

CONCERTO

L’alba dell’Espressionismo

Laura Capretti mezzosoprano
Matteo Dal Maso clarinetto
Esther Zalia violino
Rossella Tucci violino
Rebecca Scuderi viola
Gabriele Pellegrini violoncello
Gianmarco Moneti pianoforte
Sandro Zanchi pianoforte
Allievi delle classi dei maestri Erik Battaglia 
(Musica vocale da camera), Carlo Bertola (Musica da camera), Claudia Ravetto e Manuel Zigante (Quartetto), 
Laura Richaud (Pianoforte)

Alban Berg
Sonata per pianoforte op. 1
Quattro pezzi per clarinetto e pianoforte op. 5

Anton Webern
Langsamer satz per quartetto d’archi

Alban Berg
4 Lieder op. 2

Un programma dedicato alle prime opere di due pilastri dell’Espressionismo: giovani pensieri di una nuova poetica, eseguita da giovani musicisti.

A cura del Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Torino

Ingresso libero

_______________________________________

Mercoledì 6 Marzo 2019 ore 17

Auditorium Vivaldi

CONCERTO

Un urlo in cerca di una bocca
Radici, pianta e frutti dell’Espressionismo

Duo Teste Dure - Tvrdé Palice

Barbara Somogyiovà soprano
Orietta Cassini pianoforte

Alfred Schnittke
Preludio, dal Concerto grosso n. 1

Alexander Zemlinsky
Frühlingstag

Béla Bartók
Priletel pták, da 3 Canti popolari slovacchi BB 46 (Sz 35b)

Richard Strauss
Orest, Orest ist tot, da Elektra

Arnold Schönberg
Der kranke Mond, da Pierrot lunaire op. 21

Alban Berg
4 Lieder op. 2

Arnold Schönberg
4 Lieder op. 2

Anton Webern
8 Frühe Lieder, nn. 1 e 4

Dmitrij Šostakovic¡
Satire op. 109, nn. 1 e 2

Arnold Schönberg
Mahnung, da Brettl-Lieder

Kurt Weill
Tango Ballade, da Die Dreigroschenoper

Dmitrij Šostakovic¡
Waltz n. 2, da Jazz Suite n. 2

Le esecuzioni musicali saranno corredate da proiezioni di immagini.

A cura dell’Associazione Concertante Progetto Arte&Musica
In collaborazione con Biblioteca Nazionale Universitaria
di Torino 
Associazione ABNUT

Ingresso libero

_______________________________________

Mercoledì 6 Marzo 2019 ore 21

Conservatorio “Giuseppe Verdi”

CONCERTO

Espressionismi e non

Emanuele Arciuli pianoforte

Arnold Schönberg
Sei piccoli pezzi op. 19,

Joseph Haydn
Andante con 2 variazioni e coda in fa minore Hob. VII n. 6

Franz Liszt 
3 Ritratti storici ungheresi

Alban Berg
Sonata op. 1

Claude Debussy
Suite bergamasque

Richard Strauss
Orest, Orest ist tot, da Elektra

Nino Rota
Selezione dai 15 Preludi per pianoforte (nn. 2, 3, 4, 6, 9, 10, 13, 15)

Francis Poulenc
Tre pezzi (Pastorale - Hymne - Toccata)

Emanuele Arciuli, pianista tra i più celebrati e versatili in ambito contemporaneo, propone un recital in grado di armonizzare il riferimento esplicito, ma non didascalico, all’Espressionismo con la piacevolezza d’ascolto. Composizioni lungo tre secoli della tradizione viennese protese verso una modernità visionaria si contrappongono a un programma “francese”, di nascita o d’adozione.

A cura dell’Associazione dell’Unione Musicale

Poltrone numerate: € 35, 
in prevendita dal 20/2 presso la Biglietteria e sul sito dell’Unione Musicale

Ingressi: € 20; ridotto € 10 (under 21), in vendita dalle 20.30 al Conservatorio

_______________________________________

Domenica 10 Marzo 2019 ore 17

Accademia di Musica di Pinerolo

CONCERTO

Espressionismo tedesco tra rivoluzioni e nostalgia

Delian Quartett

Adrian Pinzaru e Andreas Moscho 
violini,

Georgy Kovalev , Miriam Prandi violoncello,
viola, violoncello,

Alfred Schnittke 
Preludio, dal Concerto grosso n. 1

Alexander Zemlinsky
Frühlingstag

Béla Bartók
Priletel pták, da 3 Canti popolari slovacchi BB 46 (Sz 35b)

Richard Strauss
Orest, Orest ist tot, da Elektra

Arnold Schönberg
Der kranke Mond, da Pierrot lunaire op. 21

Alban Berg
4 Lieder op. 2

Arnold Schönberg
4 Lieder op. 2

Anton Webern
8 Frühe Lieder, nn. 1 e 4

Dmitrij Šostakovic¡
Satire op. 109, nn. 1 e 2

Arnold Schönberg
Mahnung, da Brettl-Lieder

Kurt Weill
Tango Ballade, da Die Dreigroschenoper

Dmitrij Šostakovic¡
Waltz n. 2, da Jazz Suite n. 2

Le esecuzioni musicali saranno corredate da proiezioni di immagini.

A cura dell’Associazione Concertante Progetto Arte&Musica
In collaborazione con Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino e Associazione ABNUT

Ingresso libero

_______________________________________

Martedì 12 Marzo 2019 ore 17

Auditorium Vivaldi

INCONTRO

Der gelbe Klang
Sinestesie suono-colore nella poetica espressionista

Conferenza con ascolti e videoproiezioni

A cura di
Cristina Santarelli

In collaborazione con l’Istituto per i Beni Musicali in Piemonte

Ingresso libero

_______________________________________

Giovedì 14 Marzo 2019 ore 16

Biblioteca civica musicale “Andrea Della Corte”

INCONTRO

L’opera proibita
Lo scandalo della Favola del figlio cambiato di Gian Francesco Malipiero e Luigi Pirandello

Conferenza con ascolti a cura di Maria Cristina Riffero

La creazione del teatro musicale italiano più in linea con la corrente dell’Espressionismo è «La Favola del figlio cambiato», che la penna di Luigi Pirandello donò alla musica di Gian Francesco Malipiero. Il 13 gennaio 1934 l’opera ebbe la sua prima rappresentazione, in tedesco, a Braunschweig, e a marzo venne riproposta a Darmstadt. Sul finire dello stesso mese lo spettacolo ebbe la prima italiana all’Opera di Roma ma, bollato dalla critica di regime (in modo più aspro ancora che in Germania) di essere una creazione di arte degenerata, con in scena personaggi scandalosi e una musica atonale, fu tolto dal cartellone a Roma come altrove. Dovettero passare molti anni prima che la Biennale Musica di Venezia decidesse di recuperare questo capolavoro musicale del Novecento.

A cura delle Biblioteche Civiche Torinesi

Ingresso libero

_______________________________________

Lunedì 18 Marzo 2019 ore 14.30

CineTeatro Baretti

OPERA IN VIDEO

Die Vögel

Opera in un prologo e due atti di Walter Braunfels

James Conlon direttore, Darko Tresnjak regia
Con Désirée Rancatorecon Brandon Jovanovich
James Johnson

Proiezione dello spettacolo realizzato
dalla Los Angeles Opera

Presentazione a cura di Sergio Bestente

Opera fantastica su libretto del compositore, tratta dalla commedia «Gli uccelli» di Aristofane, è un valido esempio, recentemente riscoperto, del ricchissimo mondo musicale tedesco tra le due guerre. 

A cura dell’Associazione Baretti

Ingressi: intero €5; ridotti (over 65 e under 25) €4; carnet 6 ingressi €20 Lunedì 18 Marzo 2019

Lunedì 18 Marzo 2019 ore 20.30

Conservatorio “Giuseppe Verdi”

CONCERTO

Brahms il progressivo

Rebecca Viora flauto

Andrea Albano clarinetto, Valentina Busso violino
Amedeo Fenoglio violoncello, Andrea Stefenell pianoforte, 
Alban Berg

Arnold Schönberg
dalla Kammersymphonie (trascrizione di Anton Webern)

Johannes Brahms
Trio per pianoforte, clarinetto e violoncello in la minore op. 114

Un confronto tra la Vienna di Brahms e quella del periodo espressionista di Schönberg, Berg e Webern, tutti e quattro presenti in veste di compositori o arrangiatori. Il titolo richiama un celebre saggio di Schönberg, in cui il compositore austriaco indicava proprio in Brahms uno dei suoi modelli artistici e culturali. 

A cura di De Sono Associazione per la Musica

Ingresso libero

_______________________________________

Martedì 19 Marzo 2019 ore 21

Teatro Vittoria”

CONCERTO

Vienna fin de siècle 
Tra fine Ottocento ed Espressionismo

Claudio Fenoglio direttore e maestro del coro
flauto

Valentina Valente soprano, Filippo Pina Castiglionitenore
Claudio Voghera pianoforte, Andrea Stefenell pianoforte, 
Francesco Cavaliere pianoforte e armonium

Franco Giacosa pianoforte

Ensemble “I Solisti della Stefano Tempia e di Antidogma”

Johann Strauss figlio - Arnold Schönberg
Rosen aus dem Süden op. 388

Johann Strauss figlio - Anton Webern
Schatz-Walzer op. 418

Johann Strauss figlio - Alban Berg
Wein, Weib und Gesang op. 333

Viktor Ullmann
Sonata per pianoforte n. 7

Alban Berg
Sieben frühe Lieder per soprano e pianoforte

Franz Lehár
Arie e brani corali tratti da Die lustige Witwe (La vedova allegra)

Un accostamento provocatorio mette in collegamento Lehár e Johann Strauss con alcuni dei compositori più rivoluzionari del Novecento storico: un legame sottile ma inequivocabile che riunisce autori di affascinanti operette viennesi alle figure emblematiche dell’Espressionismo in musica. 

A cura della Accademia Stefano Tempia di Torino

Ingressi: €10; ridotto €8; studenti €5 Prevendita presso l’Accademia Stefano Tempia

_______________________________________

Martedì 26 Marzo 2019 ore 21

Conservatorio “Giuseppe Verdi”

CONCERTO

Serenità

Alexander Mayer 
direttore

Marc Gruber corno

Orchestra Filarmonica di Torino

Paul Hindemith 
Spielmusik op. 43 n. 1

Richard Strauss 
Concerto n. 2 in mi bemolle maggiore per corno e orchestra TrV 283

Ludwig van Beethoven
Sinfonia n. 8 in fa maggiore op. 93

Il suono di un corno disegna, quieto, una pianura di campi, pascoli e freschi ruscelli. Una montagna incantata si erge nel mezzo. Sulla sommità c’è Hindemith: mentre si gode il panorama, intona una filastrocca che nessuno conosce. A dominare la scena è il ritmo regolare, pulsante e vitale delle stagioni: sull’albero solitario di Beethoven – nella prima brezza primaverile – gli eleganti fiori, appena sbocciati, fanno già pregustare frutti carnosi. L’aria è trasparente, luminosa. Serena. 

A cura dell'Orchestra Filarmonica di Torino

Poltrone numerate: €21; ridotto €15; under 35 e UniTre €8; studenti Conservatorio di Torino €3 Prevendita presso la Biglietteria e sul sito dell’Orchestra Filarmonica di Torino

_______________________________________

Venerdì 29 Marzo 2019 ore 20.30

Teatro Regio

CONCERTO

Viaggio in orchestra

Andrea Albertin direttore

Orchestra del Teatro Regio

Introduzione a cura di Stefano Catucci

Béla Bartók
Concerto per orchestra

Richard Wagner
Preludio da I maestri cantori di Norimberga

L’Espressionismo in musica ebbe tra i suoi ambiti di ricerca privilegiati il timbro, il colore del suono, in una ideale sinestesia con l’arte pittorica. Una ricerca, quella timbrica, che interessa il linguaggio musicale prima e dopo la seconda Scuola di Vienna, dal gigante Wagner a Bartók, che mette qui in risalto tutti gli strumenti dell’orchestra.

A cura del Teatro Regio di Torino Poltrone numerate: €10