Movement Entertainment, quando Torino si fa internazionale

di REDAZIONE
pubblicato il 24/10/2018


Riportiamo il comunicato conclusivo di Movement Entertainment 2018, integrando alcune precisazioni: il festival si conferma tra i più amati e più seguiti della città a livello internazionale. Il Comune non ha partecipato agli investimenti per il festival (interamente privati): in compenso, la città guadagna in termini di ricadute dirette. Paradossalmente, le manifestazioni che apportano più quattrini nelle casse dei cittadini e delle attività del territorio sono spesso e volentieri private: in estate il Kappa FuturFestival, in autunno Movement. Calano gli spettatori dei Main Show, con una perdita rispetto al 2017 di 7000 unità; stabili le presenze totali. L’edizione dello scorso anno aveva visto i Main inseriti tra il 28 e il 31 ottobre, date più favorevoli in vista del ponte: ragione sufficiente a spiegare la decrescita di quest’anno.

IL COMUNICATO Movement Entertainment desidera condividere con i propri sostenitori gli ottimi risultati della 13° edizione di Movement: il festival autunnale di musica contemporanea e arti visive, patrocinato dalla Commissione Europea unitamente al cugino Kappa Futur Festival, il più partecipato d’Italia.
Programma e affluenza - La programmazione si è estesa dal 21 settembre al 14 ottobre coinvolgendo 39 artisti in 8 diverse venue. 35 mila le presenze riscontrate nel corso delle 3 settimane inaugurate dalle première elettroniche (La Stampa Sound Journey all’Aeroporto di Torino, Superga birthday Party e Movement on the road, 5 dj-set in centro città). I due Main Show al Lingotto del 12 e 13 ottobre registrano 18 mila ospiti da 37 nazioni (+54% vs. 2017).
Territorio e turismo - Movement consolida il proprio legame con il territorio attraverso la collaborazione con le più qualificate realtà industriali con sede a Torino, 59 importanti fornitori locali, l’impiego di oltre 280 risorse umane e la stretta interazione con gli operatori turistici piemontesi. Movement Hospitality System® ha veicolato oltre 1500 pernottamenti negli hotel cittadini, ha mobilitato oltre 1600 ospiti con la metropolitana e 2000 con Taxi Torino. Si stima in 8 milioni di euro la ricaduta economica positiva del Festival sul territorio.
Presidio sanitario - Movement si è avvalso per il tredicesimo anno consecutivo del prezioso servizio medico 118 e A.S.L. Torino 2 presidio sanitario di Regione Piemonte. I progetti Neutravel e P.I.N. hanno contribuito allo svolgimento ottimale della kermesse.
Innovazione - Movement perfeziona l’utilizzo della tecnologia cashless: il metodo di pagamento digitale con loyalty card, dotata di chip RFID, per acquistare i beni e i servizi offerti al Festival.
Comunicazione e media - La partnership con i maggiori media europei ha qualificato e diffuso il messaggio culturale su 80 testate italiane e 36 internazionali. Sono stati 56 gli operatori media accreditati al Festival. La pagina Facebook ha superato 95 mila fan con un reach di 6 milioni di persone da gennaio 2018 (in aumento rispetto al 2017).